Sneak a Grap(h)eek!

Idee, immagini, pensieri e parole.

Viscom 2017 – la mostra-convegno sulla cominicazione visiva

Recentemente ho avuto la possibilità di partecipare al Viscom 2017 per la prima volta; si tratta di una “mostra convegno di comunicazione visiva”, come recitato nel sottotitolo.
L’ho trovata un’esperienza molto interessante ed educativa: non solo erano in programma molti interventi su vari argomenti inerenti alla comunicazione visiva presentati da professionisti del settore, ma c’erano anche spazi allestiti “a mostra” e in generale erano presenti gli stand di un’innumerevole quantità di agenzie e aziende che si occupano di stampa, tipografia, gadget.
Mi ha fatto un enorme piacere vedere, oltre una discreta quantità di visitatori, un buon numero di ragazzi provenienti da scuole.
Trovo che, per chi opera nel mio settore, questo tipo di iniziative siano un’importante occasione per capire al meglio il processo che parte dall’idea e arriva al prodotto finito.
Dopotutto il compito del grafico, oltre che di creare un prodotto consono alle richieste, è anche quello di assicurarsi che ciò che crea “a monitor” venga riprodotto correttamente tramite il processo di stampa.
Avere la possibilità di assistere dal vivo al processo di lavorazione delle macchine di grande e medio formato, come agiscono sui materiali speciali per impreziosire la carta e le nuove tecniche di produzione, è un’occasione preziosissima, soprattutto per chi si affaccia al modo del graphic design.
Si ha così la possibilità di fare domande direttamente ai professionisti mentre lavorano.
La collaborazione tra grafici e stampatori è imprescindibile per un prodotto di ottima qualità, imparare i processi basilari di stampa, i termini corretti e come funzionano i macchinari è il consiglio che mi sento di dare ad ogni giovane grafico o aspirante tale.

Quelli che i like
Dario Morelli spiega una corretta strategia marketing

Durante la mia visita al Viscom 2017, ho avuto il piacere di assistere all’intervento sui social media tenuto da Dario Morelli di HP Italy e Luca Pianigiani di Jumper.it.
L’incontro si è aperto con uno spezzone video dell’intramontabile film degli Acchiappafantasmi al motto di un simpatico “siamo tornati!”.
Dopo aver messo tutti di buon umore con un’apertura così frizzante, si passa a qualche approfondimento sulla storia dei social.
Il “fenomeno” è diventato vera e propria materia di studio che va a toccare diversi aspetti tra cui:

Ci sono state digressioni dalla nascita dei primissimi social media (come fotolog e myspace) passando per orkut e ai programmi di messaggistica istantanea come msn, fino ai social più utilizzati e famosi di oggi: facebook, instagram, pinterest, youtube.
La cosa davvero interessante è che quando un utente si imbatte in un altro utente che posta cose che gli sono gradite, si abbattono dei filtri personali e il dialogo diventa più semplice.

La domanda che sorge quindi spontanea è “qual è il modo corretto per essere presenti sui social?

Viscom 2017 dati internetPrima di tutto è importante considerare il fattore multicanalità: l’utente ormai si informa tramite diversi canali su ciò che gli interessa comprare o approfondire, quindi su quante più piattaforme si riesca a presentarsi, tanto più materiale avrà dei possibili clienti per approfondire.

Bisogna prima di tutto porsi degli obiettivi:

  • Capire bene qual è il target di riferimento e studiarlo.
  • Sviluppare una buona strategia marketing e metterla in pratica.
  • Raccogliere i dati scaturiti da suddetta strategia.
  • Studiare e utilizzare i dati al meglio per continuare con la strategia (se è risultata vincente) o cambiarla; in questo modo in entrambi i casi si può parlare di “ROI” ovvero di ritorni di investimento.

Bisogna sempre monitorare i dati che si raccolgono e ricordarsi che al giorno d’oggi “velocità” è la parola d’ordine, a tal proposito mi piacerebbe citare il Dott. Morelli: “Il business non aspetta”.
Se si ha una buona idea, un’idea vincente, bisogna metterla in pratica il più presto possibile, poiché il rischio concreto è che qualcun altro ci arrivi prima di noi.

IL BUSINESS NON ASPETTA cit. Dario Morelli

selfie grafici creativi durante il Viscom 2017

È davvero interessante come il Professor Pianigiani abbia raccontato qualche retroscena sulla sviluppo del progetto grafico creato ad hoc per questo evento:
2 suoi studenti si sono occupati dello sviluppo del concept e della grafica: rispettivamente a Londra e a Milano, e mentre portavano avanti il lavoro è stato chiesto loro di scattarsi un selfie per mostrare

 il progress del lavoro.
Come attesta l’immagine, inconsapevolmente l’uno dall’altra, si sono fatti esattamente la stessa foto.
Questo di sicuro comprova la tesi secondo la quale i social mettono in relazione persone con forti elementi in comune.

La strategia vincente risulta quindi evolvere da “io ci sono” a “vieni a scoprirmi”: l’intento deve essere creare traffico e, più che like (che ammettiamolo, fanno gola a tutti noi), creare interazioni.

Dario Morelli e Luca Pianigiani durante làintervento quelli che i likeCi sono regole scritte e regole non scritte sui social ed è basilare avere una buona conoscenza di entrambe le categorie per essere efficaci nella propria promozione; vero è che per le regole non scritte per impararle davvero bisogna fare prove e, da quelle, trarre le proprie conclusioni.

BISOGNA METTERE LE IDEE PRIMA DELLA TECNOLOGIA cit. Luca Pianigiani

L’intervento è stato davvero ricco di contenuti e molto interessante e non era l’unico organizzato: durante i tre giorni di fiera era in programma una lunga lista di conferenze a cui poter partecipare.
Il Viscom 2017 è stato sicuramente una fiera interessante per chi si occupa di produzione e per chi si occupa di ideazione nel mondo della grafica; se ne avrete l’occasione per le edizioni successive il mio consiglio è visitatela!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.